Memoranea

Il Museo Storico della Liberazione (Roma) lancia “Memoranea”, un sito web in cui sono schedati 133 musei italiani dedicati alla resistenza.

 luoghi della memoria, reperti storici

Memoranea

Corre l’anno 2013, quando il Museo Storico della liberazione in via Torquato Tasso a Roma diviene il fulcro di un grande e ambizioso progetto. L’iniziativa è finalizzata ad unificare in un unico museo virtuale tutti i luoghi storici della memoria e della lotta di resistenza italiani.  Gli avvenimenti che hanno caratterizzato gli ultimi anni della Seconda Guerra Mondiale sono, infatti, altamente collegati ai suoi scenari, oggi trasformati in musei, parchi, monumenti o percorsi.  Nasce, a tal fine, il portale internet noto come “Memoranea”.

“Memoranea” si presenta come un sito web in cui sono schedati 133 dei musei italiani dedicati alla resistenza e alle campagne d’Italia che condussero alla liberazione. Fra questi sono inclusi anche i musei ebraici e i memoriali dedicati ai caduti e alle vittime di stragi. Questi siti, accessibili attraverso il  portale, sono stati censiti e scelti, sulla base di alcuni criteri tecnici, fra gli innumerevoli poli culturali italiani.

Don Bruno museo resistenza - macchina fotografica

I luoghi 

Luoghi diversi fra loro per tipologia (musei, case museo, luoghi e percorsi storici) che insieme raccontano una grande e multiforme realtà militare, popolare e storica. Questi sono stati testimoni di azioni incredibilmente disumane, di drammi, ma anche delle imprese più eroiche dei protagonisti della lotta all’antifascismo. L’iniziativa lega questi centri, da nord a sud, dal Museo della Guerra – Linea Gotica in Emilia Romagna, al Museo dello Sbarco di Anzio, senza escludere le realtà cittadine più piccole. Tali realtà, talvolta particolarmente fuori portata rispetto al centro abitato, furono spesso teatro delle più efferate battaglie. Il servizio da loro la possibilità, quindi, di emergere al fianco dei musei più grandi. Un esempio può essere il Museo Historiale di Cassino, un museo nato in occasione del sessantesimo anniversario della battaglia di Montecassino. Sebbene la Città Martire sia un centro urbano minuto rispetto ad altri, fu comunque testimone di una terribile devastazione. Questa città nel 1944 fu distrutta completamente dai bombardamenti che gli alleati sferrarono contro la fazione tedesca, posta a difesa della linea Gustav. Buona parte della popolazione di Cassino perse la vita. Grazie al portale internet, dunque, una grande realtà storica come questa ha la possibilità di essere ricordata.

Carrarmato - Historiale

La piattaforma Web

memoranea - immagine dal sito

Il sito si compone di cinque narrazioni diverse: “Campagna d’Italia”, “Resistenza in montagna”, “Resistenza nelle città”, “Deportazione e internamento” e “stragi”. Ciascuna voce contiene al suo interno le schede dei luoghi legati a quegli avvenimenti. Ad ogni sito, infatti, è dedicata una pagina in cui sono descritte le vicende principali che lo hanno visto protagonista. A seguito di questo testo vi è uno spazio intitolato “memoria” in cui viene narrata la storia della sede museale. Oltre ai paragrafi di carattere storico, sono indicati i servizi che i siti dispongono, le indicazioni, i recapiti, nonché i link ai siti più vicini.  Il sito web Memoranea offre anche la possibilità di visualizzare i vari centri su una cartina del paese, fornendo, dunque, una mappa della geografia resistenziale. L’interfaccia permette una facile navigazione e ogni risultato di ricerca è facilmente raggiungibile grazie alle opzioni presenti nel menù laterale. Sono presenti strumenti per la ricerca avanzata, che permettono di filtrare i vari parametri, rendendo l’esplorazione della piattaforma veloce ed efficiente. La piattaforma dispone anche di una versione per mobile.

resistenza

Dunque, questo portale permette agli utenti di interfacciarsi con la storia del nostro paese relativa alla fine del secondo conflitto mondiale, lasciando parlare i luoghi e le istituzioni che si occupano di valorizzare questo patrimonio.  Memoranea è uno strumento per dare visibilità a tutti quegli ambienti, quelle città e quelle realtà culturali che tutelano la memoria di questi eventi storici, e, allo stesso tempo, invita i fruitori ad uscire di casa per andare a vistarli.

Fonti: sito ufficiale di Memoranea.

-Bianchi Silvia

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto